Abolizione dei voucher: le possibili alternative al vuoto normativo

voucherL’abrogazione dell’istituto del lavoro accessorio (c.d. buoni lavoro o voucher) ha privato le aziende di uno strumento molto utilizzato per far fronte all’andamento discontinuo della propria attività imprenditoriale.

Pertanto, in attesa del superamento del vuoto normativo conseguentemente venutosi a creare, è importante valutare quali strumenti residuano per gestire in maniera sicura, flessibile ed efficace i rapporti di lavoro contraddistinti da breve durata, discontinuità e, quindi, non facile programmabilità.

Pur nella considerazione delle diverse esigenze e prerogative che sono ricorrenti nei settori del Commercio e del Turismo, una valida risposta potrebbe derivare dall’utilizzo di quegli istituti legali e contrattuali maggiormente dotati di flessibilità, quali il contratto di lavoro intermittente (detto anche contratto a chiamata), il contratto di lavoro part-time ed il contratto per lavoro extra.

Gli uffici Ascom sono a disposizione delle aziende associate per ogni approfondimento degli aspetti legati a tali tipologie di rapporti di lavoro.

< Torna Indietro
Annunci correlati
“Da Perdere i Sensi”: 26 – 27 Settembre a Savigliano
INNALZATO A € 3.000 IL LIMITE PER L’USO DEL CONTANTE
OPEN DAY – LUNEDI 04 APRILE 2016